Per una grammatica lessicalmente esaustiva sull’inganno e la menzogna in italiano

Autori

  • Emilio D’Agostino Università degli Studi di Salerno

Abstract

Nel corso della propria vita, ognuno ha a che fare con emozioni, sensazioni, comportamenti e, quindi, più in particolare, con le parole che lo mettono di fronte a ciò che tanto la propria cultura, quanto le rappresentazioni che da questa discendono classificano come menzogna, verità, falsità, passione, ira, desiderio, inganno, bugia, sdegno, impulso, sentimento, emozione, odio ecc. A queste parole del vocabolario comune corrispondono, in realtà, dei costrutti mentali che ci appaiono come dei grandi apparati significanti. Per questo contributo, si è scelto un tema tipico del discorso filosofico, letterario, psicologico, antropologico, semiologico e sociologico: la menzogna. In realtà, la linguistica si colloca, in un certo senso, in una dimensione che costituisce un osservatorio particolare e privilegiato cui non è possibile rinunciare. Essa, infatti, si trova in una condizione specialmente favorita, poiché possiede la strumentazione necessaria per descrivere minuziosamente quanto una lingua mette a disposizione dei parlanti quando questi, per i casi delle loro vite, s’imbattono nelle nebbie della bugia, dell’ira, della passione amorosa, di quella politica ecc. Cioè quanto una lingua rende disponibile all’uso comune.

Parole chiave

vocabolario, menzogna, cor duplex, operatori, lessico grammatica

Biografia autore

Emilio D’Agostino, Università degli Studi di Salerno

Emilio D’Agostino è docente di linguistica generale presso l’Università degli Studi di Salerno.

Pubblicato

03-11-2002

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.