L’uso del «di» e del «che» nei comparativi di diseguaglianza

Autori

  • Ursula Bedogni Escola Universitària de Turisme CETT de Barcelona

Abstract

La grande varietà nell'uso dei comparativi in italiano spesso causa problemi allo studente di lingua catalana o castigliana di fronte alla sua applicazione pratica. In primo luogo, questo articolo analizza la struttura dei comparativi sintagmatici, per poi andare avanti e occuparsi anche delle funzioni temporali e modali. Quindi, l’articolo propone una distinzione che permetta di chiarire la situazione contrastiva e che permetta, di conseguenza, di rendere più facile il momento didattico.

Parole chiave

di, che, comparativi di diseguaglianza

Riferimenti bibliografici

BATTAGLIA, S.; PERNICONE, V. (1960). La grammatica italiana. Torino: Loescher.

BRUNET, J. (1984). Grammaire critique de l’italien. Université de Paris VIII.

CARRERA DÍAZ, M. (1988). Curso de lengua italiana. Vol. I. Barcellona: Ariel.

DARDANO, M.; TRIFONE, P. (1989). Grammatica italiana. Bologna: Zanichelli.

FERRARI, A. (1996). «Vent’anni di studi sulla subordinazione avverbiale. Un panorama bibliografico». Studi italiani di linguistica teorica e applicata, 1: 220-223.

FOGARASI, M. (1984). Grammatica italiana del ‘900. Roma: Bulzoni.

RENZI, L.; SALVI, G. (1988). Grande Grammatica italiana di consultazione. Vol. II.

Bologna: Il Mulino.

SERIANNI, L. (1991). Grammatica italiana. Torino: UTET.

Biografia autore

Ursula Bedogni, Escola Universitària de Turisme CETT de Barcelona

Docente di italiano presso l'Escola Universitària de Turisme CETT de Barcelona

Pubblicato

03-11-1998

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.