«Ogni paese si è aperto». Note su "Viaggio nel cratere" di Franco Arminio

Autori

Abstract

L’articolo si occupa di uno scrittore dalla peculiare indole odeporica come Franco Arminio (Bisaccia, 1960), e in particolare del suo Viaggio nel cratere, un libro importante nel quale prende forma la nuova disciplina fondata dall’autore, la paesologia. Pubblicata nel 2003, ma fortemente radicata nell’ultimo Novecento e in quel trauma di lunga durata che è stato il terremoto del 1980, l’opera segna un nuovo modo di viaggiare e di guardare al Mezzogiorno con uno sguardo letterario – certamente memore dell’esperienza fondamentale di Celati – e insieme antropologico. La paesologia, intesa come una forma di attenzione e di clemenza nei confronti dei piccoli paesi, dei loro abitanti e delle cose apparentemente marginali che vi si trovano, in realtà sa dirci molto sul mondo in cui viviamo.

Parole chiave

Letteratura di viaggio, Letteratura italiana contemporanea, Mezzogiorno, Paesaggio, Sguardo

Biografia autore

Paolino Nappi, Universidad Complutense de Madrid

Paolino Nappi insegna nell'area di Italiano del Dipartimento di Studi Romanzi, Francesi, Italiani e Traduzione dell'Universidad Complutense di Madrid.

Pubblicato

19-06-2019

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.