Tra palinsesto e paratesto: le epigrafi di Consolo

Autori

  • Dario Stazzone Università di Catania

Abstract

La scrittura di Consolo è caratterizzata da un continuo lavoro di recupero memoriale, lessicale e letterario che l’autore considerava oppositivo all’omologazione contemporanea. Alla costituzione palinsestica della sua opera è da ricondurre il costante ricorso alle epigrafi. Questo studio attraversa tutti i romanzi consoliani, ponendo particolare attenzione alle loro epigrafi ed alle relative funzioni. Si mette in evidenza la funzione di «commento» al testo delle soglie paratestuali; talvolta esse assolvono all’«effetto epigrafe» di cui parlava Genette, grazie al quale l’autore integra la sua opera in una tradizione culturale; spesso esse alludono ad opere pittoriche, preannunciando i contenuti di una scrittura ricca di riferimenti iconici e di costrutti ipotipotici.

 

Parole chiave

paratesto, palinsesto, epigrafe, pittura, ipotiposi

Pubblicato

25-11-2016

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.