Call for papers: Dante e Blake

La redazione della rivista invita a presentare proposte di contributo per il suo numero 6 dedicato a “Dante e Blake”. Deadline: gennaio 2020

Le illustrazioni di William Blake per la Divina Commedia, prodotte negli ultimi tre anni della sua vita tra il 1824 e il 1827, comprendevano 102 acquerelli e sette incisioni. La critica sull’opera di Blake ha ampiamente considerato queste illustrazioni come interpretative e simboliche, basandosi sui commenti di W. B. Yeats e sull'analisi di Albert S. Roe di tutta la serie pittorica (1953), seguita dai contributi di Rodney Baine (1987) e di David Fuller (1988) che cercavano un'interpretazione più letterale del corpus dantesco di Blake. Più recentemente, lo studio di Eric Pyle sulle illustrazioni di William Blake sullaCommedia(2015) suggerisce che il pittore inglese intraprese un esercizio estetico per completare la teologia di Dante, e, in particolare, l'idea di Blake secondo cui Dio e l'uomo sono indivisibili.

Questo sesto volume di “Dante e l'Arte” vuole pubblicare contributi autorevoli e originali che esaminino ogni aspetto delle interpretazioni di Blake della Commediadi Dante, dalle considerazioni estetiche alle letture interpretative, letterarie, teologiche, linguistiche, storiche, biografiche e culturali di corpus dantesco di Blake. In che misura Blake sfida lo spettatore invitandolo a nuove letture di Dante? È Blake più letterale che simbolico? Blake compie una rilettura teologica ed estetica di Dante? In che modo il dantismo di Blake ha influenzato le letture contemporanee della Commedia?

Gli articoli dovrebbero seguire le norme tipografiche disponibile sul sito web della rivista, http://revistes.uab.cat/dea/about/submissions#onlineSubmissions e dovrebbero includere un abstract (massimo 700 caratteri con spazi) e 5 parole chiave. Il termine ultimo per la ricezione degli articoli è il 20 gennaio 2019.

Se lo desideri, non esitare a discutere le tue idee con gli editori di “Dante e l'Arte” su revista.dante.elarte@uab.cat